LEZIONE 197

NON POSSO GUADAGNARE ALTRO CHE LA MIA GRATITUDINE

1.Ecco il “SECONDO PASSO” che facciamo per liberare la “NOSTRA MENTE” dalla credenza in una forza contrapposta “ALLA NOSTRA”. TU fai dei tentativi di essere gentile e di perdonare. Ma li trasformi di nuovo in attacco, a meno che non trovi gratitudine ed una profusione di ringraziamenti all’esterno. I tuoi doni devono essere ricevuti con onore, altrimenti vengono ripresi. E così pensi che “I DONI” di DIO siano, nel migliore dei casi dei prestiti e, nel peggiore dei casi, inganni che indeboliscono le tue difese per assicurarsi che quando EGLI colpirà non mancherà di uccidere.

2.Come vengono facilmente confusi DIO e la colpa da coloro che non sanno cosa possono fare i loro pensieri. Nega la “TUA FORZA”, e la debolezza deve diventare la tua salvezza. Considerati limitato, e le sbarre diventano la “TUA DIMORA”. E non potrai lasciare la prigione, né reclamare la “TUA FORZA”, finché vedrai colpa e salvezza come la stessa cosa, e non percepirai libertà e salvezza congiunte, con “LA FORZA” al loro fianco, per essere ricercate, trovate e pienamente riconosciute.

3.È inevitabile che il mondo ti ringrazi quando gli offri “LA LIBERAZIONE” dalle TUE illusioni. Ma devi essere grato anche a “TE STESSO”, perché la sua liberazione può solo rispecchiare la TUA. La “TUA GRATITUDINE” è tutto quello che è necessario perché i “TUOI DONI” siano un’offerta duratura da parte di un “CUORE RICONOSCENTE”, liberato per sempre dall’inferno. Ed è forse questo che vorresti disfare, riprendendoti i “TUOI DONI” perché non sono stati onorati? Sei TU che devi onorarli e “DARE LORO” i ringraziamenti adeguati, poiché sei TU che hai ricevuto “I DONI”.

4.Non importa se un altro pensa che i “TUOI DONI” siano privi di valore. Nella “SUA MENTE” c’è una parte che si unisce alla TUA nel ringraziarti. Non importa se i “TUOI DONI” sembrano perduti e inefficaci. Essi “VENGONO RICEVUTI” dove vengono dati. Nella “TUA GRATITUDINE” essi vengono accettati universalmente e apprezzati con riconoscenza dal cuore di “DIO STESSO”. E vuoi forse riprenderteli, quando LUI li ha accettati con gratitudine?

5.DIO benedice ogni dono che gli offri, ed “OGNI DONO” gli viene dato per essere dato solo a “TE STESSO”. E quello che appartiene a DIO deve essere SUO. Tuttavia non ti renderai mai conto del fatto che i “SUOI DONI” sono sicuri, eterni, immutabili, senza limiti, che danno continuamente, estendo l’amore e aumentano la tua “GIOIA INFINITA”, finché perdonerai solo per poi attaccare di nuovo.

6.Riprenditi i doni che dai, e penserai che quello che ti è stato dato sia stato ripreso. Ma impara a lasciare che “IL PERDONO” porti via i peccati che pensi di vedere al di fuori di “TE STESSO”, e non potrai mai pensare che “I DONI” di DIO ti siano prestati per un po’ di tempo, prima che EGLI te li strappi via di nuovo nella morte. Perché allora la morte non avrà più significato per TE.

7.E con la fine di questa credenza la paura svanirà per sempre. Ringrazia il “TUO SE'” per questo, giacché EGLI è grato soltanto a DIO, ed EGLI rende grazie per te a “SE STESSO”. “CRISTO” verrà ancora a tutti coloro che vivono, perché ciascuno deve vivere e muoversi in LUI. Il suo essere in “SUO PADRE” è sicuro, poiché la “LORO VOLONTÀ” è   una. LA LORO GRATITUDINE VERSO TUTTO QUELLO CHE ESSI HANNO CREATO NON HA FINE, PERCHÉ LA GRATITUDINE RIMANE PARTE DELL’AMORE.

8.”SIA GRAZIE A TE, IL SANTO FIGLIO DI DIO”! Poiché per come sei “STATO CREATO”, contiene tutte le cose nel “TUO SE'”. “E SEI ANCORA COME DIO TI HA CREATO”! E non puoi offuscare “LA LUCE” della tua perfezione. “IL CUORE DI DIO E’ POSTO NEL TUO CUORE”. “TU GLI SEI MOLTO CARO, PERCHÉ SEI LUI STESSO”. “TUTTA LA GRATITUDINE TI APPARTIENE, GRAZIE A QUELLO CHE SEI”.

9.Ringrazia mentre ricevi. Sii libero da ogni ingratitudine verso chiunque renda completo il “TUO SE'”. E da “QUESTO SE'” nessuno è escluso. Ringrazia per tutti gli innumerevoli canali che estendono “QUESTO SE'”. “TUTTO QUELLO CHE FAI GLI VIENE DATO”. Tutto quello che pensi sono solo i “SUOI PENSIERI”, poiché condividi con LUI i santi pensieri di DIO. Guadagnati ora “LA GRATITUDINE” che ti sei negato quando hai dimenticato “LA FUNZIONE” che DIO ti ha dato. Ma non pensare mai che EGLI abbia mai smesso di offrirti i SUOI ringraziamenti!

 

Per le istruzioni di queste lezioni  vedi l’introduzione riportata insieme alla Lezione 181

Per le istruzioni delle lezioni di questa prima parte degli Esercizi di “Un Corso in Miracoli” fai riferimento all’Introduzione che trovi alla Lezione 1

Se desideri ricevere le lezioni di “Un Corso in Miracoli” direttamente nella tua casella di posta elettronica, iscriviti qui al servizio https://marinadiwan.com/un-corso-in-miracoli/

Leave A Response

* Denotes Required Field